Azienda vitivinicola Mario Pastorello


Il Madò

Superficie coltivata a vigneto: 2 ettari Dopo trent’anni di lavoro come operaio metalmeccanico Mario, ritrovatosi disoccupato, decide di cambiare vita dedicandosi al terreno che gli aveva lasciato il padre Nello, agricoltore. Uno dei primi giorni della nuova attività Mario viene avvicinato dall’enologo di fama mondiale, nonchè suo vicino, Donato Lanati che, per ricambiare un favore fattogli da Nello diventa l’enologo di Mario. Dalla loro collaborazione nasce il vino rosso Madò: potrebbe essere un’esclamazione ma in realtà sono le iniziali di Mario e di sua moglie Donatella.